Japan, the food experience – 1 – Tokyo

I am back!!

I know you were all worried, but holidays came for me as well. And what holidays they were! I was able to roam around Japan for 3 weeks! I will try and tell you everything about those 3 weeks, as always focused on food (plus trains, and Japanese nerdness).
Let’s go then!

dance.jpg

After a very long trip (VERY long trip consisting of a jump to Amsterdam followed by an inexplicable jump to… Paris and a 12 hour flight to Tokyo Haneda) we arrived at our Airbnb in Asakusa. We dropped everything and decided to go exploring to beat the jetdav-lag. We went to the Sensō-ji, a very famous temple in the area, and then to dinner, where I experienced my first Japanese toilet. Of course, it was a fail. Sergeant Lunch and Lieutenant Cookie teased me for days after I headed back to our table defeated by the toilet and unable to flush it (It had no visible handles and at that moment, I could not  figure out what all the buttons meant. Or else, I was just very tired). Most importantly, we had eel! Eel with rice (unagi), which was delicious.

And as a final treat for the day, we discovered a traditional dance festival near the river; we enjoyed the show before heading back for a well deserved 12 hours sleep.

The following day we started our explorations in earnest. Our routine always included breakfast bought at a local 7-Eleven, because as everyone knows, I can’t function without my coffee and something to eat. The status of Japanese convenience store pastries is good, although I must report that, since we usually bought them at night for the day after, the choice was limited.
Anyway, on the second day we explored Electric Town, Akihabara. We actually did not explore much, but we can say that we experienced it in the form of trying a lot of videogames in the neighbourhood’s arcades. 😀
I wish we had all those machines here in Europe. There was literally everything one could think of, from drum machines to dance games (old school ones and very modern davones) to a lot of rhythm games. One of the most popular was the “Washing Machine” one (I now discovered that it was called Mai-Mai, but our name is better and it gives a very clear description of the thing :D) to which we all became very attached. I don’t have to say how bad we were at everything, particularly in comparison with the locals, whose abilities with these things are almost supernatural.
As a snack, we had a lovely cheese cake, from a place called Pablo. Japanese people seem to be obsessed with cheese cakes, for whatever reason.
We then went to Shibuya, to see the famous crossing (and try and not strangle all the idiots filming themselves going from one side of the street to the other) and to have our dinner. Lieutenant Cookie pointed to us this lovely place, called Ichi-Ban-Kan (or something similar, I share with you the location on Google, so you can find it). Here we had a lovely and very cheap meal, destined to be repeated twice more. We really loved the “old men’s bar” atmosphere and the seemingly low quality food. The gyozas we had there were the best!

gyozas.png

Our second day in the capital dawned very, very hot. After what seemed like an eternal morning spent in the Ueno park, we went to Harajuku, where we were directed by the Lonely Planet to a gyoza place. The Japanese customers could be counted on the fingers of one hand, but the food was very nice. It is worth noticing that in Japan food is very very cheap. We rarely spent more than a tenner each for a meal, often including either soft drinks or beer.
After lunch we walked through the crazy Takeshita Dori, then went to the governmentdav tower for a (free) view of the city, where we had a weird ice cream from the 7-Eleven (tasted like… yuzu? Probably? I am not 100% sure 🙂 ), and finally we headed towards Shinjuku, where we really, really wanted to try some karaoke.
After failing miserably to find one, and with our feet sore with all the walking, we headed towards the only place we knew was not going to fail us, the HUB. This is an “English” pub chain that you can find in the major cities. It is still full of locals, and it is worth to notice that they have a happy hour that finishes at 7 pm which allows you to have very (very!) cheap drinks (we are talking about less than 3 euros for a Gin and Tonic!). In Japan beer is often more expensive that a mixed drink or a cocktail. Of course, this became very quickly our point of reference during our stay in Osaka and Tokyo (more of this in the following chapters).
After drowning our tiredness in a couple of Salty Dogs (my cocktail of reference), we managed to find a place for our dinner. This time, it was an okonomiyaki. I was probably very tired and I did not think the world of it. I didn’t even take a picture of it!

dav

Our last day of our first leg in Tokyo, we went to the Tsukiji Market, only to find it closed for a local holiday. We managed anyway to have a decent (not exceptional, but decent) lunch at a sushi place, a restaurant part of a very famous chain, called Sushizanmai. Idav just love the man in their signs, welcoming you to dine with them 😀
I ate some sea urchin, some cod roe and some raw squid, which I did not like at all! Not always the experiments come up right 😉
In the afternoon, we walked around the fancy Ginza and headed to the Tokyo train station to buy our train tickets for Yufuin, our trip for the following day. The station itself is massive and at its core you will find a lovely old building, surrounded by modern structures. Train station in Japan are endless (or so it seems).
Our last dinner in Tokyo was lovely tempura, after which we were all ready to head back to our apartment to get ready for our first train trip to Kyushu.

 


Cinnamon Buns – Ricetta Veloce!

Come ormai sapete, adoro ogni ricetta che contiene cannella. In particolare, adoro i cinnamon roll. So che in questo periodo estivo non si ha molta voglia di accendere il forno, ma ricordate che vivo in Irlanda, per cui per me non è mai un problema 😀
In ogni caso, avrete una ricetta estiva (purtroppo anche questa contempla l’uso del forno!) per la settimana prossima.

Torniamo ai nostri dolcetti cannellosi. La ricetta originale prevede una doppia lievitazione, dal momento che questa è in teoria una ricetta a base di pane. Sono deliziosi appena sfornati ma, a mio avviso, il giorno successivo perdono un po’ della loro bontà. Questa ricetta è invece più rapida e, soprattutto, ci permette di sfornare dei roll che sono perfetti anche il giorno dopo, vista la consistenza a metà tra un biscotto e un pane.

Cinnamon Buns


Ingredienti

    Per il ripieno:
  • 75 g di burro
  • 1 cucchiaio di cannella
  • 250 g di zucchero di canna
  • Per la pasta:
  • 560 g di farina
  • 2 cucchiai di lievito per dolci
  • 2 cucchiaini di sale marino
  • 2 cucchiaini di cardamomo
  • 240 g di burro freddo
  • 300 g di latte freddo
  • zucchero per rifinire

Preparazione

  1. Accendiamo il forno a 180 gradi se ventilato, 200 se statico.
  2. Per preparare la pasta, utilizziamo un robot da cucina. Mettiamo la farina e tutti gli ingredienti asciutti e aggiungiamo il burro, tagliato a cubetti. Con un paio di pulsazioni sminuzziamo il burro fino ad avere un composto sabbioso. Aggiungiamo il latte poco a poco e lasciamo che il robot amalgami bene il tutto, fino a quando la nostra base diventa elastica e si stacca dalle pareti del contenitore.
  3. Tiriamo fuori dal robot da cucina la nostra palla e la lasciamo riposare su un ripiano qualche minuto. La impastiamo leggermente per un paio di minuti, e la lasciamo riposare altri dieci.
  4. Stendiamo la pasta fino ad avere un rettangolo non più spesso di 5 mm. Questa parte è uguale alla ricetta tradizionale 🙂
  5. Prepariamo il ripieno, sciogliendo il burro. Mescoliamo lo zucchero e la cannella bene, e stendiamo il burro sulla superficie del rettangolo. Spolveriamo il composto di zucchero e cannella, lasciando solo una piccola parte del rettangolo scoperta per poter chiudere il rotolo.
  6. Arrotoliamo la pasta partendo dal lato lungo, e creiamo i nostri cinnamon roll. Dovremmo averne almeno una dozzina. Imburriamo uno (o due) stampi da cupcake, e mettiamo un roll in ogni spazio.
  7. Inforniamo per 25 minuti circa. Non appena ritiriamo i bun dal forno, li rovesciamo con cautela e li intingiamo nello zucchero, prima di lasciarli raffreddare.

Come detto, questi roll sono ottimi sia appena fatti che i giorni successivi 🙂

Come alternativa, potete fare Nutella roll. Stendete un’abbondante strato di crema alla nocciola invece del mix di burro, zucchero e cannella e… voilà! 🙂

dav


More more more! Crumble di more!

Amo i frutti estivi, in particolare i frutti di bosco (come FORSE avrete notato 😀 ). Questo fatto, in combinazione con il mio acquisto del libro di Claire Ptak sulla sua Violet Bakery, in congiunzione a sua volta con la mia scoperta che Claire è come me grande fan dei dolci alla frutta, ha fatto sì che come prima ricetta dal suo libro seguissi quella di questa meravigliosa crumble di more. Estiva, dolce, veloce e facile facile.

In questi giorni in cui il calcio occupa il settanta per cento (o anche di più) della nostra giornata e pur volendo la qui presente riprovare a fare i croissant, mi devo adeguare e cercare ricette veloci e buone. Se tutte quelle del libro di Claire sono così, ne sentirete parlare per diverso tempo! 🙂 ❤


Crumble alle more


Ingredienti

    Per la frolla:
  • 140 g di farina
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 115 g di burro, ammorbidito
  • Per il ripieno:
  • 400 g di more
  • 100 g di zucchero
  • 1 cucchiaino di cannella
  • un pizzico di sale marino

Preparazione

  1. Accendiamo il forno a 180 gradi se ventilato, 200 se statico.
  2. Mettiamo tutti gli ingredienti della base in un robot da cucina. Con qualche pulsazione, amalgamiamo tutti gli ingredienti velocemente.
  3. Ritiriamo 3 cucchiaiate del composto. Imburriamo uno stampo da 20 cm e con le mani premiamo la frolla sul fondo e sui bordi in maniera uniforme. Non è necessario essere troppo precisi, l’aspetto finale della torta è informale. 🙂
  4. Mescoliamo con una frusta gli ingredienti secchi del ripieno. Ne utilizziamo 3/4 sulla base di frolla della crostata e il rimanente terzo lo saltiamo con le more.
  5. Stendiamo anche le more sulla base, e spezzettiamo in maniera casuale il rimanente di frolla sulla frutta.
  6. Inforniamo per 40 minuti circa, o fino a quando il composto inizia a fare le bollicine e la crosta della frolla è ben dorata. Nel mio caso, ho dovuto lasciare la crostata in forno per un’ora circa, dal momento che nel mio forno ventilato tutti i prodotti a base di lievito vengono cotti velocemente mentre le crostate o simili ci mettono molto più tempo di quello indicato nella ricetta, per cui date un’occhiata alla vostra infornata!

La prossima volta che farò questa ricetta (perchè ammettiamolo, ci sarà una prossima volta), penso che terrò da parte anche più frolla, o ne farò un pochino di più, perchè è veramente buonissima, e sperimenterò con la frutta (mirtilli e more…mmmm).


Estate. Muffin (o torta!) ai mirtilli e panna acida

L’estate è ancora qui! Dopo ormai un mese di bel tempo in Irlanda, posso dire che ormai l’estate l’abbiamo fatta ed è stata lunga e bella. Se da domani torna la pioggia, posso comunque dirmi soddisfatta 🙂

Il Mondiale è ancora in corso, e questo fine settimana abbiamo terminato il nostro mesetto di grandi impegni con un bellissimo matrimonio in Francia. Nessun post gastronomico in arrivo, però, dal momento che è stato tutto troppo corto e all’insegna di trascorrere il maggior tempo possibile con i nostri amici, obiettivo pienamente raggiunto.

Mi sembra però che sia giunto il momento di pubblicare una nuova ricetta, con cui avevo sperimentato quando le mie amiche italiane sono venute a trovarmi.
La ricetta originale è ancora una volta, una torta della scuderia Hummingbird, ma dal momento che non avevo lo stampo corretto e che sono una grande fan dei muffin, ho preparato questi ultimi invece di una torta tradizionale. Il risultato è stato comunque molto soddisfacente 🙂
Questa ricetta, ancora una volta, si addice agli amanti della frutta e dei dolci … non troppo dolci 🙂
Ottima per le colazioni o una bella tazza di the!


Muffin / Torta ai mirtilli e panna acida


Ingredienti

  • 350 g di burro a temperatura ambiente
  • 350 g di zucchero
  • 6 uova
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 450 g di farina
  • 2 cucchiai di lievito per dolci (la ricetta richiede 2 cucchiai + 2 cucchiaini, ma onestamente mi sembrava eccessivo, e penso che sia perfetto anche con meno lievito, soprattutto nel caso in cui vogliate fare muffin)
  • 280 ml panna acida
  • 250 g di mirtilli freschi
  • glassa al Philadelphia (ricetta qui)
  • Zucchero a velo per decorare (q.b.)

Preparazione

  1. Accendiamo il forno a 170 gradi.
  2. In una ciotola, e con l’aiuto di un mixer manuale o con una planetaria, utilizziamo il metodo chiamato “creaming” e mescoliamo a buona velocità burro e zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.
  3. Aggiungiamo le uova una ad una, mescolando bene e pulendo bene i bordi della ciotola dopo ogni aggiunta. Aggiungiamo anche l’estratto di vaniglia, mescoliamo bene.
  4. Aggiungiamo la farina (a cui abbiamo aggiunto il lievito) e mescoliamo fino ad aver ottenuto un composto uniforme.
  5. Aggiungiamo con delicatezza i mirtillli e mescoliamo il composto fino a quando questi sono distribuiti in maniera uniforme.
  6. Nel caso in cui vogliate fare una torta, abbiamo preparato in precedenza uno stampo in forma di anello da 25 cm. Nel mio caso, prepariamo le capsule per una dozzina circa di muffin.
  7. Inforniamo per 20 minuti circa (il doppio, all’incirca, nel caso della torta) e una volta cotti, prepariamo la glassa che cospargiamo abbondantemente sul prodotto terminato. Possiamo aggiungere qualche mirtillo e una spolverata di zucchero a velo come decorazione.

Qui potete trovare una versione della ricetta per preparare la torta (in inglese) con una versione diversa di glassa. Sia la ricetta della torta che quella della glassa prevedono l’aggiunta di scorza di limone che penso diano una sfumatura interessante al prodotto 🙂


Pausa – World Cup

Questa settimana, pausa dal blog! Mi guardo le partite della Coppa del Mondo e mi preparo per il matrimonio del prossimo fine settimana, e recupero dal freezer le colazioni per questi giorni 😀

This week, no posts from me! I am going to watch the World Cup and prepare for this weekend’s wedding and use all the frozen baked goods present in my now exploding freezer 😀

Buon’estate a tutti!

Have a nice summer everyone!


Bakewell tart – Grazie Sinèad!

Finalmente due fine settimana, ben due, di riposo prima della trasferta montpellierese. Il fine settimana scorso è scoppiata l’estate e le mie amiche, in visita per qualche giorno, ne sono rimaste entusiasmate. O forse sono rimaste ammirate da tutto quello che abbiamo dato loro da mangiare. Mi sa più la seconda, ma guardate qui che tempo! Gli amici europei ne erano abbastanza gelosi 😀

img-20180610-wa0021

D’accordo il mare e tutto quanto, ma penso che le visite ai ristoranti locali abbiano fatto di piu’ per la citta’ che il cielo sereno e il caldo 😀

dav

Allego diapositiva del nostro afternoon tea, che ha generato grandissimo entusiamo.

Mica per niente le mie amiche sono amiche mie ❤

Per accogliere le mie italianelle nel modo migliore, ho preparato questa torta che viene direttamente dalla collezione di ricette di Sinèad, la mia prof. al corso. Le sue ricette sono sempre un mistero, a volte qualche ingrediente manca, a volte le istruzioni non sono proprio precisissime, ma quando la ricetta è quella giusta, è una bomba, c’è poco da fare!

Il frangipane, il ripieno prescelto per questa torta, è tradizionalmente un composto a base di mandorla che unisce vari ingredienti e una parte di crema. La ricetta di Sinèad non include la crema, ma solo la base del frangipane tradizionale, preparata con parti uguali di uova, zucchero, mandorla e burro.

E’ imprescindibile che abbiate questa ricetta perchè è molto semplice da preparare e la base della torta è veramente buonissima. Se non vi piacciono le mandorle, potete sostituire il ripieno con quello che preferite (cioccolato, limone, noci, etc).

Il sapore delicato delle mandorle, la glassa all’albicocca e la marmellata rendono questa torta un successo per tutti, grandi, piccini e, come direbbe mio nonno, “smorbi” (dal dialetto piemontese: persona dai gusti difficili).


Bakewell Tart


Ingredienti

    Per la base:
  • 240 g di farina
  • 150 g di burro, freddo
  • 30 g di zucchero
  • 1uovo
  • Per il frangipane:
  • 100 g di burro
  • 100 g di zucchero
  • 100 g di mandorle tritate molto finemente
  • 100 di uova (2, normalmente)
  • Ingredienti aggiuntivi:
  • 1 cucchiaio di marmellata di lamponi
  • 1 cucchiaio di marmellata di albicocche
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo

Preparazione

  1. Prepariamo la base per la torta. In una ciotola mettiamo lo zucchero e la farina. Esistono vari metodi per aggiungere il burro freddo senza lavorarlo troppo, che è il nostro obiettivo quando prepariamo torte di questo tipo. Io trovo molto terapeutico il metodo classico, che consiste nel sfregare il burro nella farina/zucchero fino a quando lo abbiamo ridotto a briciole (cosiddetto “rub in method”). Ho visto tanti metodi, potete utilizzare quello che preferite: un classico è utilizzare il robot da cucina, mettervi un pochino di farina e il burro, e con qualche pulsazione, portarlo a questo stadio. Ho anche visto chi grattuggia il burro 🙂
  2. L’importante è che abbiamo il burro ridotto ai minimi termini insieme alla farina e allo zucchero. Questo fa sì che il composto rimanga “corto” e non sviluppi troppo glutine, rimanendo friabile e burroso.
  3. Facciamo un piccolo buco nel centro, e rompiamo l’uovo. Mescoliamo il composto fino ad amalgamarlo, cercando di ridurre ai minimi termini il tempo di impastatura. Formiamo la pasta in un panetto, lo avvolgiamo in pellicola, e lo mettiamo in frigo per almeno mezz’ora.
  4. Accendiamo il forno a 160 gradi e imburriamo uno stampo da torta di 20 cm.
  5. Mentre aspettiamo che il forno si scaldi, prepariamo il frangipane. Per fare questo, non vogliamo mescolare troppo gli ingredienti, perchè non vogliamo che venga incorporata troppa aria e questo faccia crescere troppo il frangipane nel forno. Mescoliamo quindi zucchero e burro fino ad amalgamarli, aggiungiamo le uova e la mandorla e mescoliamo solo fino ad ottenere un composto uniforme. E’ importante cercare di evitare di mescolare troppo!
  6. Tiriamo fuori dal frigorifero la pasta e la stendiamo. Possiamo utilizzare della carta da forno o della pellicola, dal momento che la pasta sarà abbastanza dura. Mettiamo la pasta tra due strati di, per esempio, pellicola, e questo ci dovrebbe aiutare a stenderla con meno fatica. Dobbiamo stendere la pasta sottile, di modo che possa cuocere senza problemi in forno. Dare indicazioni di centimetri mi pare sempre una follia, per cui vi basti sapere indicativamente che questa quantità vi deve permettere di coprire lo stampo, preparare le losanghine per la crostata, e ve ne dovrebbe avanzare ancora un po’. Fate attenzione a mantenere lo spessore della torta uniforme (che è la cosa più difficile 😉 ).
  7. Copriamo la tortiera gentilmente. Per fare questo, arrotoliamo la pasta intorno al mattarello e la “strotoliamo” sulla tortiera. (aiuta molto che stendiate la torta su una superficie non plastica, non mi prendete ad esempio…).
  8. A questo punto, drappeggiamo la torta e con molta delicatezza, facciamo aderire i bordi della stessa alla tortiera. Eliminiamo con un coltello, o anche solo con le dita, facendo pressione sulla parte esteriore della pasta, gli eccessi di torta. Non è necessario utilizzare una forchetta per perforare il fondo della torta.
  9. Stendiamo la cucchiaiata di marmellata (potete omettere questo passaggio se non siete fan) bene su tutto il fondo della torta. Facciamo la stessa cosa con il frangipane, che non arriverà al bordo della torta.
  10. Prepariamo le losanghe della torta (processo noioso e lungo, ma che dona un effetto molto professionale al prodotto finale). Come potete vedere dalle immagini, prepariamo tutte le strisce di pasta e poi iniziamo da una parte (es. sinistra verso destra) con le strisce verticali, che però non fissiamo al bordo. All’aggiungere le strisce verticali (es. alto verso basso) facciamo passare ciascuna striscia prima sopra e poi sotto quelle del senso opposto). Ci vuole pazienza…
  11. Inforniamo per circa 40 minuti, o fino a quando la torta è dorata.
  12. Una volta che la torta si è raffreddata, possiamo mettere in un pentolino una cucchiaiata (o anche meno) di marmellata di albicocca, che portiamo a ebollizione. Una volta sciolta, possiamo glassare la torta. Vi consiglio di farlo, dal momento che aggiunge un sapore molto buono a quello complessivo. Se volete, in aggiunta a questo, potete mescolare una cucchiaiata di zucchero a velo con acqua calda e dare alla torta l’aspetto classico della bakewell, stendendo la glassa a striscioline sulla crostata.

E come promesso, avrete un po’ di pasta da parte. Noi abbiamo pensato bene di farne biscotti a forma di Portal 🙂

dav


Postumi da Matrimonio

Niente ricetta oggi! 😀

Qui oggi è festivo ma la qui presente lavora, e sente pesanti i postumi dal lunghissimo fine settima di matrimonio irlandese.

Il matrimonio era DIY per cui amici e parenti degli sposi hanno aiutato nell’allestimento, presso il bellissimo castello di Blackwater, a Casteltownroche.  Io e Sergente Pranzo siamo arrivati venerdì dopo lavoro e abbiamo dormito in una comoda stanza nel castello.
Abbiamo allestito il nostro personale regalo di nozze, la torta! O, più precisamente, la torre di cupcake. Dal momento che il matrimonio era basato su un buffet di tapas, gli sposi volevano qualcosa di semplice da offrire agli invitati dopo svariate ore di festeggiamenti.

Sono molto contenta del risultato finale, eccolo qui! 🙂

Le foto, come me durante quella giornata lunghissima, sono abbastanza sfocate, ma almeno rendono l’idea.  Sul piano superiore della torta, una piccola carrot cake preparata per il taglio in tarda serata, da me aggiunta a metà serata, quando i miei sensi erano già leggermente offuscati dai festeggiamenti (come potete notare dal non troppo equilibrato uso del glitter dorato e dalla non capacità di sistemare la torta, ma va bene lo stesso 😀 ).

I fiorellini appena raccolti si intonavano con il buquet della sposa e davano alla composizione un profumo meraviglioso (certo che anche il profumo dei cupcake alla Guinness…)

E visto che siete sicuramente curiosi qualche foto del luogo e del matrimonio!

Nel frattempo, cerco di sopravvivere a questa giornata e poi vado a dormire 😀

Un grande abbraccio ai bellissimi sposi e un augurio di tanta felicità per loro ❤

This slideshow requires JavaScript.